Discorsi del S. don Antonio Agostini sopra le medaglie et altre anticaglie diuisi in XI dialoghi tradotti dalla lingua spagnuola nell'italiana con l'aggiunta di molti ritratti di belle, et rare Medaglie [...]

Autore: AGUST├ŹN, Antonio (1517-1586)

Tipografo: Ascanio & Girolamo Donangeli

Dati tipografici: Roma, 1592


In 4to (mm. 215x158). Pp. [4], [2]-72 (di tavole), 239, [17]. Segnatura: †² A-Z4 Aa-Gg4 a-b4. Frontespizio architettonico inciso in rame che reca in alto le armi del cardinal Caetani dedicatario dell'edizione. Le tavole, tutte incise in rame, sono numerate a partire dalla terza, la prima e la seconda contenendo rispettivamente un secondo frontespizio architettonico (I discorsi di S. Don Antonio Agostini sopra le medaglie et altre anticaglie […]) e il ritratto dell'autore. Pelle marmorizzata del Settecento, dorso a nervetti con fregi in oro, taglio rosso picchiettato (spellature e mancanze). Aloni sparsi e leggere bruniture.

 

Emissione successiva dell'edizione priva di indicazioni tipografiche degli stessi fratelli Donangeli, uscita presumibilmente nello stesso 1592, alla quale è stato aggiunto un bifolio iniziale con nuovo frontespizio calcografico ed un'epistola dedicatoria sottoscritta da Ascanio Donangeli e datata Roma, 1 maggio 1592.

Si tratta di una delle due edizioni italiane apparse contemporaneamente dei Dialogos de medallas, inscriciones y otros antiguedades di Antonio Agustín (Tarragona, 1587); l'altra era infatti uscita nello stesso anno dai torchi di Guglielmo Faciotto.

Agustín, originario di Saragozza, giunse a Roma nel 1544 come auditore della Sacra Rota e da allora si dedicò ad un'intensa attività di ricerca antiquaria in campo archeologico, epigrafico e numismatico.

 

Adams, A-2236; E. Toda y Guell, Bibliografia Espanyola d'Italia, 1927, I, 67; Deckesel, p. 26.


[9596]