Le osservationi della lingua volgare di diversi huomini illustri, cioè del Bembo, del Gabriello, del Fortunio, dell'Accarisio, et di altri scrittori. Nelle quali si contengono utilissime cose per coloro che scrivono i concetti loro [...]

Autore: SANSOVINO, Francesco ed. (1521-1583)

Tipografo: Francesco Rampazetto

Dati tipografici: Venezia, 1565


In 8vo (mm. 145x98). Cc. [8], 324 [recte 326]. Segnatura: *8 A-P8 Q10-1 R-Z8 AA-RR8 SS4. Variante B con il fascicolo Q formato da 10 carte, con le prime due segnate Q1 e con Q10 bianca (qui mancante), per l'inserimento del testo mancante fra le cc. 120-121. Marca tipografica al titolo, iniziali e fregi xilografici. Legatura seicentesca in pelle moucheté, dorso con fregi, tassello e titolo in oro, contropiatti in carta marmorizzata, tagli a spruzzo (spellature e lievi mancanze). Firma di appartenenza al titolo, leggere fioriture sparse, margini sobri, ma buona copia.

Seconda edizione (prima 1562) di questa raccolta di cinque trattati cinquecenteschi sulla lingua volgare, riuniti ed editi da Francesco Sansovino. Il volume contiene la versione integrale delle Prose della volgar lingua (1525) di Pietro Bembo (1470-1547), degli estratti dalle Regole (1516) di Giovanni Francesco Fortunio (ca. 1470-1517) e gli appunti sulla lingua volare di Trifone Gabriele (ca. 1470-1549) raccolti dal nipote Giacomo Gabriele (1510-1550) con il titolo Regole grammaticali (1545), nonché degli estratti dai Fondamenti del parlar Thoscano (1549) di Rinaldo Corso (1525-ca. 1582, non annunciato nel titolo) e dalla Gramatica volgare (1537) di Alberto Accarisi (fl. 1536-1562).

Edit 16, CNCE47165; Ascarelli Menato, 393-394.


[10810]