Opere postume di Pietro Giannone in difesa della sua Storia civile del regno di Napoli con la sua professione di fede. Si aggiungono in questa edizione le Annotazioni critiche del padre Paoli, sopra il IX. libro del tomo secondo della Storia civile, e la risposta di Pietro Giannone alle suddette Annotazioni.

Autore: GIANNONE, Pietro (1676-1748)

Tipografo: Giambattista Pasquali.

Dati tipografici: Venezia,   1768

Formato: in quarto

Due volumi in 4° (mm 254x176); pp. VII, (1 bianca), 360; VII, (1 bianca), 296. Elegante legatura coeva in mezza pelle con fregi, duplice tassello e titolo in oro al dorso, tagli verdi; Ex-libris inciso dell'epoca "C. G. Munarini". Ottima copia.

Edizione aumentata. «Le opere del Giannone sono oggi quasi del tutto obbliate, ma a torto, perché informate sempre a verità e a spiriti liberali» (Lozzi, 2965). L'autore non è che «il primo e più caratteristico assertore del laicismo antiecclesiastico; predicatore della crociata regalista a Napoli, di cui il ministro Tanucci fu l'organizzatore» (Casati, III, 154). La sua Storia civile venne messa all'Indice.


[4846]