Storia del commercio della Gran Brettagna scritta da John Cary mercante di Bristol. Tradotta in nostra volgar lingua da Pietro Genovesi giureconsulto napoletano. Con un Ragionamento sul commercio in universale, e alcune annotazioni riguardanti l'economia del nostro regno, da Antonio Genovesi [...] Tomo primo [-terzo]

Autore: CARY, John (1649-1720)-GENOVESI, Antonio (1713-1769)

Tipografo: Antonio Bassanese

Dati tipografici: Napoli, si trova in Venezia presso, 1764


Tre volumi in 8vo (mm. 173x109). Pp. LXXX, 240; 264; 286, [2 bianche]. Fregio xilografico ai frontespizi. Cartonato coevo o di poco posteriore, dorsi con tassello e titolo in oro. Esemplare lievemente brunito, ma genuino.

 

Seconda edizione (la prima era apparsa a Napoli nel 1757), curata da Antonio Genovesi, del Essay on the state of England in relation to its trade di John Cary nella traduzione di Pietro Genovesi (m. 1757 ca.), un saggio in difesa dell'importanza della proprietà privata e del libero commercio contro ogni forma di abuso assolutistico del potere. Il primo volume si apre con una nota al lettore di Antonio Genovesi e con il Ragionamento sul commercio in universale (pp. VII-LXXX) sempre di quest'ultimo. Il secondo volume contiene anche il Ragionamento filosofico sulle forze e gli effetti delle gran ricchezze del Genovesi (pp. 133-165) e il Tesoro del commercio tradotto dall'inglese di Thomas Mun (1571-1641, pp. 166-259), preceduto da una nota al lettore del traduttore Benedetto Gessari (pp. 166-167). Infine, il terzo volume include il Ragionamento sulla fede publica dello stesso Antonio Genovesi (pp. 266-282). Quest'ultimo testo, insieme al Ragionamento filosofico, sono presentati qui per la prima volta.

 

Venturi, Illuministi italiani, V, 133.


[9536]