Flora Veronensis quam in prodromum Floræ Italiæ Septentrionalis exhibet Cyrus Pollinius tomus primus [-tertius]

Autore: POLLINI, Ciro (1782-1833)

Tipografo: Società tipografica

Dati tipografici: Verona, 1822-1824


Tre volumi in 8vo (mm. 229x140). Pp. XXXV, [1 bianca], 535, [1 bianca] e II tavole ripiegate fuori testo; 754 e VI tavv. rip. f.t.; 898 e IV tavv. rip. f.t. La pagina [814] del terzo volume è bianca. Tutte le tavole sono incise in rame da Francesco Ronzani. Legatura coeva in mezza pelle con punte, dorso con fregi in oro e duplice tassello con titolo e numero del volume impressi in oro (lievi spellature e mancanze). Piccolo alone al frontespizio del terzo volume, minime fioriture sparse, alone al margine inferiore interno delle ultime carte nel terzo volume, ma ottima copia intonsa con barbe e in parte ancora a fogli chiusi.

 

Prima ed unica edizione (prima tiratura, senza la dedica ad Alessandro I imperatore di Russia e Polonia che fu aggiunta in un secondo momento) di questa fondamentale pubblicazione sulla flora del Veronese, la più ampia ed esaustiva mai pubblicata sull'argomento.

Pollini, originario di Alagna (PV), fu botanico, docente di botanica e agraria nel liceo di Verona e fondatore dell'Orto botanico dell'Accademia di Verona. Tra le altre sue opere principali ricordiamo: Elementi di botanica (Verona 1810-11); Discorso storico sulla botanica (Verona, 1812); Horti et provinciae Veronensis plantae novae vel minus cognitae (Pavia, 1816); Sulle alghe viventi nelle terme Euganee (Milano, 1817). Morì a Verona nel 1833.

 

Stafleu & Cowan, 8145; Pritzel, 7253.


[9548]