Dictionnaire de chimie, contenant la théorie et la pratique de cette science, son application à l’histoire naturelle et aux arts par Charles-Louis Cadet, du Collège de pharmacie et de la Société libre des Pharmaciens de Paris [...] Tome premier [-quatrieme]

Autore: CADET DE GASSICOURT, Charles Louis (1769-1821)

Tipografo: de l'imprimerie de Chaignieau ainé [de l'imprimerie de Chaignieau ainé].

Dati tipografici: Paris,   1803

Formato: in ottavo

Quattro volumi in 8vo (mm. 198x116). Pp. CC, 448 ed 1 tavola calcografica ripiegata fuori testo; pp. 560 e 3 tavole ripiegate; pp. 726 ed 1 tavola ripiegata; pp. 607, [1] ed 1 tavola ripiegata. Occhietto all'inizio di ogni tomo. Le sei tavole mostrano apparecchiature chimiche. Elegante legatura coeva in pieno vitellino beige, dorso riccamente decorato con fregi di gusto neoclassico impressi in oro e duplice tassello in marocchino marrone e verde recante titolo e numero del volume, dorature lungo i bordi dei piatti, tagli spruzzati, risguardi marmorizzati (cerniere e cuffie di alcuni volumi lievemente danneggiati). Lievi aloni e minime fioriture marginali su poche carte. Esemplare freschissimo.

PRIMA EDIZIONE di questo importante dizionario di chimica, nel quale l'autore riprende i concetti sviluppati da Pierre Joseph Macquer quarant'anni prima, aggiornandoli alla luce delle ultime scoperte, in particolare di quelle di Lavoisier. “As a scientist Cadet is noteworthy for his part in the diffusion and popularization of the New Chemistry rather than for any specific discovery. His most important work, the four-volume Dictionnaire de Chimie, published in 1803 and dedicated to Fourcroy, replaced the old chemical dictionary of Macquer. Cadet's Dictionnaire clearly elucidated the revolutionary changes that had occurred in chemistry and in chemical nomenclature” (DSB, III, p. 6).“Cadet's Dictionnaire follows the form of Macquer's and brings it up to date. It is an entirely new work designed to be useful to chemists in need of a compact dictionary. The table of authors in T. IV gives references to their work and where it is quoted in the dictionary” (Cole).Figlio illegittimo di Luigi XV e di Maria Teresa Boisselet, indirizzato allo studio della farmacia, il giovane Charles Louis decise tuttavia di dedicarsi prima alla letteratura e quindi alla giurisprudenza. Allo scoppio della Rivoluzione vi aderì con entusiasmo, non esitando però a condannare gli eccessi del tribunale rivoluzionario. Accusato di aver partecipato all'insurrezione del 13 Vendemmiaio anno IV (1795), fu condannato in contumacia e dovette pertanto nascondersi per tre anni nel Berry.  Ritornato a Parigi dopo la morte del padre putativo (Louis Claude Cadet de Gassicourt) dovette abbandonare la sua vita dissipata ed abbracciare la professione farmaceutica. Fu quindi nominato segretario generale del nuovo consiglio sanitario di Parigi e nel 1809 ordinario farmacista di Napoleone. Parallelamente si dedicò alla stesura di diverse opere scientifiche. Successivamente fu nominato segretario generale della società farmaceutica di Parigi, prima di ottenerne la presidenza nel 1818. Dopo il ritorno di Napoleone dall'isola d'Elba, Gassicourt fu chiamato a sostituire Deyeux come suo primo farmacista. Con il crollo dell'impero abbandonò la vita pubblica, ritirandosi a vita privata. Nel 1815 ricevette da Luigi XVIII la Legione d'Onore e nel 1821 fu eletto membro a pieno titolo dell'Accademia di Medicina.

Cole, 227; Neville, I, p. 233; Partington, III, p. 96.


[7114]